Torniamo a ringraziarvi per l’attenzione riservata a Contagious Live Italy, la giornata interamente dedicata alla brand bravery a cui ha partecipato una platea numerosa e attenta: oltre 100 persone,70 aziende di settori differenti.

Il MuBa, Museo dei bambini che occupa la Rotonda della Besana, è stata la cornice accogliente e singolare che desideravamo mettere a disposizione di relatori e ospiti; lo schermo sembra sospeso tra il prato e le nuvole, in contrasto con la solidità e la concretezza degli argomenti.

Al mattino lo spazio è stato lasciato interamente al team di Contagious UK, agenzia di insight e trend londinese rappresentata da Paul Kemp Robertson, Katrina Dodd e George Wyndham; durante il pomeriggio si sono invece alternate le aziende italiane che hanno voluto condividere con noi le loro storie coraggiose.

I 10 comandamenti della comunicazione ‘coraggiosa’, e contagiosa, così come i trend per il 2020 sono stati illustrati a partire da un punto di vista ampio e internazionale, il rapporto tra Ai e creatività e concetti come ‘agile long-termism’ hanno potuto avvalersi dell’osservatorio di Contagious UK, che può spaziare raccontando temi così diversi offrendo punti di vista nuovi e non usuali. In particolare, gli esempi portati da Paul Kemp Robertson sono trattii dal libro “The Contagious Commandments: Ten Steps to Brand Bravery” scritto con Chris Barth, la cui edizione italiana è uscita in questi giorni a cura della casa editrice Guerini Next e con prefazione di Annalisa Galardi. “Un principio organizzatore solido è la colonna portante dell’attività aziendale e, fermo questo, a livello creativo e strategico lo si può declinare con agilità”. E a proposito di agilità, Katrina ha trattato il concetto di agile long-termism ovvero stabilire obiettivi di lungo termine, dando però ai team sufficiente agilità di movimento. «Il problema che oggi affligge di più brand e agenzie è la velocità. Ma, come dice bene Sir Martin Sorrell, se evitare i rischi e rifugiarsi nel ‘short-termismo’ può essere comprensibile, è però totalmente sbagliato. Il ripiegamento sul breve termine ha fatto perdere efficacia alla creatività, come ha evidenziato una recente ricerca dell’IPA.” Si è parlato di futuro del marketing e della comunicazione con George che ci ha aggiornato sui trend che ci aspetteranno per il 2020, e sui valori divisivi esplorando i casi e i brand più significativi a cui guardare per capire come reagire, e cosa prevedere.

Automotive, cultura-marca, identità d’impresa, autenticità di brand, coraggio-paura, inclusione e diversità, dati statistici… questi sono stati i temi toccati dai nostri relatori italiani. Mario Verna di Ssangyong, Graziano Giacani di Brand Festival di Jesi, Elisa Mereatur di Pastiglie Leone, Carola Salvato di GWPR, Patrizia Manganaro di Everis, Francesca Vecchioni di Diversity, Nicola Ferrajolo di YouGov Italia, ci hanno proposto riflessioni interessanti e un modo diverso di guardare alle rispettive attività. Contagious Live Italy ha garantito anche momenti più dinamici grazie alla presenza di Diego Parassole, ‘comico-serio’ che ha coinvolto i partecipanti in una ‘palestra del coraggio’ svelando alcune delle trappole mentali che ci impediscono di abbandonare le strade già note.

Chi ha avuto il coraggio di sedersi sulle sedie “diverse” dalle altre si è visto premiare con uno sconto per partecipare a Most Contagious, l’appuntamento londinese che promette di raccontare “un anno in un giorno”.

Scorrete la gallery per scoprire alcuni frame significativi del meeting. Ci sei anche tu!

Guarda il video della giornata: https://vimeo.com/366771699

Felici di avervi contagiati, vi invitiamo a seguire i nostri account social aziendali per restare sempre aggiornati sulle attività coraggiose che portiamo avanti con passione.

Alla prossima!

Be generous. Be curious. Be brave.